Comodini e sangue
industria del legno e bracconaggio nel Congo



di Karl Ammann (fotografo e ambientalista, affiliato al Bushmeat Project)

la versione originale in inglese si trova qui





Introduzione

Nel 1995, mentre facevo un'inchiesta sulla caccia alle specie protette, giunsi a Kinshasa, in quello che allora si chiamava Zaire. Richiesi un'intervista al signor Ongaro, direttore generale della compagnia Siforzal, la più grande impresa della nazione nel campo del legname. Mi fu detto che tutti i rapporti con i media stranieri e le questioni di tutela ambientale erano gestiti dalla sede centrale della Danzer a Reutlingen, in Germania.

Scrissi alla Danzer chiedendo di visitare le loro aree di concessione nel corso del mio successivo viaggio. Mi fu risposto che era stata presa la decisione di non invitare più rappresentanti di alcuna ONG straniera, a causa della "cattiva pubblicità" che l'industria del legname aveva ricevuto sui media occidentali. Fui in seguito informato che la Siforzal stava invece lavorando con alcune ONG locali. Chiesi che mi venissero forniti dettagli su queste organizzazioni, e copie di documenti che fossero stati stilati. Chiesi anche se potevo incaricare un rappresentante di qualcuna di queste ONG locali di visitare una delle aree di concessione. Non mi fu mai risposto.

A metà del 1996, ricevetti la copia di una relazione stesa da due ricercatori belgi che studiavano i bonobo nella regione di Lomako. Essa affermava: "la situazione dei bonobo sembra molto critica lungo il fiume Yekokora. Uomini della tribù Ngombe si stanno spingendo da nord nella regione, per cacciare. Si tratta di cacciatori molto efficienti, che catturano quante più prede possibile, e poi si spostano in un'altra zona quando la foresta è rimasta vuota. Dopo di che, vendono la carne ai lavoratori della Siforzal, che sta sfruttando la foresta sulla riva destra dello Yekokora. Grazie a questa compagnia, il trasporto di carne affumicata - compresa quella dei bonobo - e di giovani esemplari di bonobo vivi, è diventato facile"

All'inizio del 1997, chiesi nuovamente di essere ammesso in visita ad una concessione in occasione di una successiva visita nello Zaire. Fui informato dal signor Herzog, della Danzer Furnierwerke, che la posizione dell'azienda era rimasta immutata e che non sarei stato gradito.


L'indagine


A metà febbraio del 1998, tornai nuovamente in Africa Centrale. Durante il mio soggiorno nella Repubblica Democratica del Congo, io e alcuni amici decidemmo, su richiesta di Reinhard Behrend, dell'associazione Rettet den Regenwald, di visitare la concessione Siforzal di Mentole sulla riva sud del fiume Congo. L'obiettivo era quello di chiarire la situazione della conservazione dei bonobo in quelle zone, e il ruolo che la deforestazione gioca in proposito.

Sfortunatamente, i risultati non furono incoraggianti, e per molti versi si mostrarono profondamente contraddittori con le dichiarazioni fatte nei vari documenti provenienti dalla Danzer, e indirizzati alla World Society for the Protection of Animals e alla Rettet den Regenwald, sull'argomento "Caccia ai primati nell'Africa centrale".

Per due settimane viaggiammo lungo ampi tratti dei fiumi Lopori, Yekokora e Lotondo. Parlammo con decine di abitanti, capi villaggio, dipendenti ed ex dipendenti della Siforzal-Danzer (oggi SIFORCO), missionari, funzionari di un'altra compagnia concessionaria di un'area confinante, e molti cacciatori. Sottoponemmo ogni informazione a controlli incrociati da fonti diverse, e registrammo molte delle interviste. La conclusione a cui siamo giunti è che la Siforzal è per molti aspetti direttamente o indirettamente implicata nella commercializzazione della selvaggina di contrabbando e nella caccia di frodo dei bonobo e di altre specie protette.

Ecco i punti principali, che faranno parte di un resoconto più dettagliato:

Molti dei fucili calibro 12 usati nella regione sono prodotti nelle officine di questa concessione. I cacciatori li ordinano ai lavoratori della Siforzal, e il tempo di consegna è in genere di circa due mesi. I nostri informatori presumevano che materiali e attrezzature della Siforzal fossero usati per produrre queste armi (ne abbiamo anche fotografata una, che era esplosa in faccia a un cacciatore).

Le imbarcazioni della Siforzal vengono usate per rifornire di cartucce praticamente tutta la regione. Venditori indipendenti viaggiano a bordo trasportando munizioni, ma il mercato sembra in gran parte controllato dai capitani delle barche e dal direttore del personale, il signor Lobilo (ci è stato detto che le cartucce arrivano, occasionalmente, anche con l'aereo della compagnia). Le munizioni sono vendute nei negozi al porto della Siforzal, nei diversi luoghi di mercato, e nei pressi della residenza del direttore del personale. Quando arrivammo, la vecchia fornitura era esaurita, a causa della temporanea chiusura della fabbrica di munizioni MACC a Pointe Noire, Congo. Il giorno in cui ripartimmo, erano arrivate cinquanta casse da 2500 cartucce, il che avrebbe significato, secondo le stime che facemmo con i cacciatori, dai cinquanta ai cento bonobo abbattuti giù dagli alberi.

Quando le squadre di taglialegna partono al mattino, fino a sei cacciatori viaggiano sullo stesso veicolo. Generalmente, anche uno o due operai della compagnia portano con sé le proprie armi e munizioni. Vengono quindi autorizzati dal caposquadra a non partecipare al lavoro e passano la giornata cacciando, per poi ritornare a sera sullo stesso veicolo, e dividendo con gli altri parte del loro bottino. Oltre a questi dipendenti dell'azienda, vengono presi a bordo anche cacciatori professionisti, e fatti scendere lungo il tragitto, o alla fine del percorso, seguendo lo stesso schema. Lo stesso avviene per le squadre esplorative: trascorrono fino a due settimane nella foresta per le attività di sopralluogo, e sono accompagnate da uno o due dipendenti della società in vesti di cacciatori, riforniti con cinquanta cartucce.




In passato, quasi tutta la carne così ottenuta era mangiata dai duecento e più dipendenti stessi. Ma negli ultimi due anni, la maggior parte è stata trasportata fino a Kinshasa sulle barche e zattere della Siforzal. Sembra che questo abbia coinciso con la decisione della compagnia di sospendere il divieto di accesso a passeggeri sulle imbarcazioni che trasportano la legna; da allora, i dipendenti e le loro mogli possono disporre di viaggi gratuiti. Di conseguenza, molte mogli di lavoratori sono diventate trafficanti di selvaggina, comprando la carne dai cacciatori lungo il corso dei vari fiumi, o al mercato che si tiene ogni due mesi a Bompindo, e poi trasportandola fino alla capitale (abbiamo visto e filmato diverse carcasse affumicate di bonobo, malgrado in quel periodo ci fosse una grave scarsità di munizioni).

In almeno due occasioni, un uomo descritto come "invalido", ha comprato bonobo orfani per 800000 NZ [ nuovi zaire, la moneta corrente nel Congo ] a quello stesso mercato, e li ha condotti fino a Kinshasa su barche della Siforzal.

In molti villaggi, e al mercato stesso, abbiamo trovato pesanti cavi d'acciaio, di quelli che sono usati per tenere insieme le zattere del legname. Erano in vendita in tratti di lunghezza standard di un metro e mezzo. Vengono distesi al suolo per fare delle trappole, e ci è stato confermato che tutti quei cavi arrivano - o forse sono rubati - dai magazzini della Siforzal.

Parlando con i cacciatori che hanno battuto zone in cui la Siforzal ha lavorato in precedenza, come Issanzani, Beongo, Mentole e Lomoko, ci è stato confermato che, quando la base si sposta, non rimane praticamente traccia di bonobo, o comunque certamente nessun gruppo in grado di sopravvivere.

Tutto questo mi riporta alla mente l'affermazione della Danzer, che avrebbe accettato di smettere di tagliare alberi "nella concessione" e di abbandonare una delle vecchie basi, perché il WWF potesse trasformarla in una zona di protezione dei bonobo. In base alle informazioni apprese come sopra, mi sorprende molto che il WWF abbia accettato questa offerta, dato che non ha molto senso proteggere i bonobo là dove non ce ne sono più. La cosa da fare sarebbe stata assicurarsi una parte della concessione che non fosse ancora mai stata toccata, con l'impegno che non lo sarebbe mai stata: come l'area protetta proposta tra i fiumi Lomako e Yekokora, che fa parte di una concessione Siforzal che si presume essere tornata sotto il controllo statale.

Con queste premesse, siamo andati a incontrare funzionari forestali a Kinshasa, che ci hanno fornito documentazione sullo stato della concessione attuale (compresa la citata area protetta): essa sembra essere stata restituita allo Stato con l'accordo firmato dal signor Hans Jorg Danzer il 15 marzo del 1989, secondo il quale 821573 ettari sarerebbero "retrocedé a la République du Zaire". Questa stessa area è contrassegnata sulla corrispondente mappa aggiornata, come "arrêté" [chiusa]. In ogni caso, la Siforzal sta ancora abbattendo piante nel pieno di questa regione. Analogamente, la regione di Beongo, che risulterebbe abbandonata, fa parte oggi di una nuova concessione (come dalla convenzione n. 0057/CAB/MI CNT/94 del 05/07/94). Nessun altro documento era disponibile, e sarebbe interessante sapere in base a quale accordo la Siforzal stia ancora disboscando nell'area K7.

Non sono un esperto di foreste, e non sono in grado di giudicare fino a che punto la compagnia rispetti le leggi locali in materia, o i criteri stabiliti dal FSC (Forest Stewardship Council). Ma, se quello che sta accadendo alla fauna è un indicatore valido, allora concludo che la Siforzal è molto lontana dal poter certificare il suo legname come in regola secondo il FSC. La Danzer esibisce anche un URSPRUNGSZEUGNIS [certificato di provenienza], in cui il ministro dell'Ambiente allora in carica conferma che le operazioni di abbattimento degli alberi rispettano la legge su ogni punto, che per prelevare il legno vengono usati i macchinari e le tecniche più all'avanguardia, e che la quantità asportata è ecologicamente sostenibile. Se le cose stanno così, perché la Siforzal/Danzer non ha ancora proceduto a farsi certificare seriamente?




Per quanto io non sia nemmeno un esperto delle condizioni sociali dei lavoratori del posto, parlando con la popolazione locale ho compreso chiaramente che ciò che è stato affermato in vari punti della corrispondenza è molto diverso dalle storie che loro raccontano.

La Danzer dichiara: la Siforzal rifornisce i suoi dipendenti con miglio, riso e manioca. Gli interessati affermano di non ricevere niente del genere.

La Danzer dichiara: la Siforzal offre assistenza sanitaria ai suoi dipendenti e alle loro famiglie, come pure istruzione scolastica ai loro figli. Questo è vero, nel senso che esiste un dispensario, e che è gestito da un'infermiera. Non è presente nessun medico. Quanto alla scuola, sono i genitori a pagare per stipendiare un insegnante, attraverso una cooperativa che chiamano VIP.

La Danzer dichiara: le persone che lavorano nelle concessioni sono native della regione. Ci è stato detto che solo all'incirca la metà vengono da quelle aree, e che tra questi solo pochissimi appartengono all'etnia Mongo, che realmente considera come proprio territorio la parte di foresta in cui si sta attualmente tagliando. I missionari ci hanno detto che, ogni volta che la base operativa della concessione si sposta, molti dipendenti vengono licenziati. La loro liquidazione non viene pagata in contanti, ma con merce che altrimenti sarebbe buttata via, ad esempio materiali per l'edilizia o pezzi di ricambio; e non a caso, in quei periodi, il mercato di Basankasu è pieno di quegli scarti.

La Danzer dichiara: i nativi vivono, con le famiglie, nelle loro comunità tradizionali. Ciò che abbiamo filmato con riprese aeree erano quattro file di capanne di fango con tetti di paglia, in uno spiazzo nudo spianato con le ruspe. Più simile a una baraccopoli che ai villaggi tradizionali che abbiamo visitato.

La Danzer prosegue: riteniamo in generale che in Africa la caccia faccia parte dei diritti tradizionali delle popolazioni indigene. Il punto è: i fucili, le cartucce, il commercio di cacciagione, le trappole fatte con cavi d'acciaio, i furgoni e le barche che trasportano carne affumicata, non sono esattamente tradizionali, se si parla di caccia. Molte aree forestali sono battute da gruppi di persone - in qualche caso attirate dalle manovre della Siforzal - che non sono da considerare native del luogo, e che non hanno alcun diritto tradizionale di caccia su di esso.


Conclusioni


Al ritorno a Kinshasa, abbiamo incontrato due volte il signor Kalinda Kimanuka, che presiede una nuova ONG per la conservazione ambientale: la Organization pour la Protection de L'Environment au Congo, che opera dal di fuori degli uffici Siforzal. È apparso molto sincero nella sua intenzione di mantenersi indipendente e di darsi da fare per salvare ciò che resta della popolazione dei bonobo. Ho sostenuto che fosse necessaria una replica immediata, e suggerito che forse la Danzer/Siforzal poteva ora acconsentire a invitare me, Kamanuka, e un rappresentante di una ONG locale (Les Amis des Animaux au Congo) a visitare tutte e tre le concessioni, per illustrare al personale e ai dirigenti perché si renderanno necessari cambiamenti radicali, e perché le ONG estere e gli acquirenti dei prodotti Siforzal non avrebbero più accettato la situazione. Far giungere il messaggio ai lavoratori, che a tutt'oggi sembrano considerare il diritto di bracconaggio come un fringe benefit della ditta, potrebbe rendere più facile per la dirigenza della Siforzal l'indurre questi cambiamenti. Una tale iniziativa potrebbe anche essere documentata dai media per mostrare come queste azioni siano possibili e siano in corso.

Tengo comunque a puntualizzare che una tale azione non implicherebbe in alcun modo un passo verso un riconoscimento di disboscamento sostenibile, che dovrà basarsi su molti altri aspetti, come stabilito dal FSC.

Propongo che si organizzi un incontro con i responsabili decisionali della Danzer in Germania, con carattere di urgenza. Queste risoluzioni e proposte di azione dovranno essere discusse, e allo stesso tempo si dovrà esporre la posizione ufficiale della compagnia alla comunità degli operatori per l'ambiente e ai media.


Karl Ammann
Nanyuki, Kenya, 7 febbraio 1998






e-mail

torna agli articoli